Четвёртая книга Царств, глава 2

Or quando l'Eterno volle rapire in cielo Elia in un turbine, Elia si partì da Ghilgal con Eliseo. Ed Elia disse ad Eliseo: ‘Fermati qui, ti prego, poiché l'Eterno mi manda fino a Bethel’. Ma Eliseo rispose: ‘Com'è vero che l'Eterno vive, e che vive l'anima tua, io non ti lascerò’. Così discesero a Bethel. I discepoli dei profeti ch'erano a Bethel andarono a trovare Eliseo, e gli dissero: ‘Sai tu che l'Eterno quest'oggi rapirà in alto il tuo signore?’ Quegli rispose: ‘Sì, lo so; tacete!’ Ed Elia gli disse: ‘Eliseo, fermati qui, ti prego, poiché l'Eterno mi manda a Gerico’. Quegli rispose: ‘Com'è vero che l'Eterno vive, e che vive l'anima tua, io non ti lascerò’. Così se ne vennero a Gerico. I discepoli dei profeti ch'erano a Gerico s'accostarono ad Eliseo, e gli dissero: ‘Sai tu che l'Eterno quest'oggi rapirà in alto il tuo signore?’ Quegli rispose: ‘Sì, lo so; tacete!’ Ed Elia gli disse: ‘Fermati qui, ti prego, poiché l'Eterno mi manda al Giordano’. Quegli rispose: ‘Com'è vero che l'Eterno vive, e che vive l'anima, tua io non ti lascerò’. E proseguirono il cammino assieme. E cinquanta uomini di tra i discepoli dei profeti andarono dietro a loro e si fermarono dirimpetto al Giordano, da lungi, mentre Elia ed Eliseo si fermarono sulla riva del Giordano. Allora Elia prese il suo mantello, lo rotolò, e percosse le acque, le quali si divisero di qua e di là, in guisa che passarono ambedue a piedi asciutti. E, passati che furono, Elia disse ad Eliseo: ‘Chiedi quello che vuoi ch'io faccia per te, prima ch'io ti sia tolto’. Eliseo rispose: ‘Ti prego, siami data una parte doppia del tuo spirito!’ Elia disse: ‘Tu domandi una cosa difficile; nondimeno, se tu mi vedi quando io ti sarò rapito, ti sarà dato quello che chiedi; ma se non mi vedi, non ti sarà dato’. E com'essi continuavano a camminare discorrendo assieme, ecco un carro di fuoco e de' cavalli di fuoco che li separarono l'uno dall'altro, ed Elia salì al cielo in un turbine. E Eliseo lo vide e si mise a gridare: ‘Padre mio, padre mio! Carro d'Israele e sua cavalleria!’ Poi non lo vide più. E, afferrate le proprie vesti, le strappò in due pezzi; e raccolse il mantello ch'era caduto di dosso ad Elia, tornò indietro, e si fermò sulla riva del Giordano. E, preso il mantello ch'era caduto di dosso ad Elia, percosse le acque, e disse: ‘Dov'è l'Eterno, l'Iddio d'Elia?’ E quando anch'egli ebbe percosse le acque, queste si divisero di qua e di là, ed Eliseo passò. Quando i discepoli dei profeti che stavano a Gerico di faccia al Giordano ebbero visto Eliseo, dissero: ‘Lo spirito d'Elia s'è posato sopra Eliseo’. E gli si fecero incontro, s'inchinarono fino a terra davanti a lui, e gli dissero: ‘Ecco qui tra i tuoi servi cinquanta uomini robusti: lascia che vadano in cerca del tuo signore, se mai lo spirito dell'Eterno l'avesse preso e gettato su qualche monte o in qualche valle’. Eliseo rispose: ‘Non li mandate’. Ma insistettero tanto, presso di lui, ch'ei ne fu confuso, e disse: ‘Mandateli’. Allora quelli mandarono cinquanta uomini, i quali cercarono Elia per tre giorni, e non lo trovarono. E quando furono tornati a lui, che s'era fermato a Gerico, egli disse loro: ‘Non vi avevo io detto di non andare?’ Or gli abitanti della città dissero ad Eliseo: ‘Ecco, il soggiorno di questa città è gradevole, come vede il mio signore; ma le acque son cattive, e il paese è sterile’. Ed egli disse: ‘Portatemi una scodella nuova, e mettetevi del sale’. Quelli gliela portarono. Ed egli si recò alla sorgente delle acque, vi gettò il sale, e disse: ‘Così dice l'Eterno: — Io rendo sane queste acque, ed esse non saran più causa di morte né di sterilità’. Così le acque furon rese sane e tali son rimaste fino al dì d'oggi, secondo la parola che Eliseo aveva pronunziata. Poi di là Eliseo salì a Bethel; e, come saliva per la via, usciron dalla città dei piccoli ragazzi, i quali lo beffeggiavano, dicendo: ‘Sali calvo! Sali calvo!’ Egli si voltò, li vide, e li maledisse nel nome dell'Eterno; e due orse uscirono dal bosco, che sbranarono quarantadue di quei ragazzi. Di là Eliseo si recò sul monte Carmel, donde poi tornò a Samaria.